ImpresAmbiente è una Società Consortile a responsabilità limitata a capitale misto pubblico-privato costituitasi il 7 dicembre 2006.

La compagine societaria è costituita da numerose e qualificate università meridionali, i principali enti di ricerca, grandi imprese, società consortili, consorzi e PMI con sedi operative e/o attività nelle regioni Obiettivo 1.

La Società è il soggetto attuatore del progetto del Ministero dell’Università e della Ricerca inerente la costituzione di un Centro di Competenza Tecnologica sulla tematica “Analisi e prevenzione del rischio ambientale”, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale per le Regioni dell’Obiettivo 1 “Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione” 2000-2006; Asse II-Rafforzamento del Sistema Scientifico e di Alta Formazione – Misura II.3 – Centri di Competenza Tecnologica in risposta all’Avviso n. 1854/2006.

Il Centro di Competenza Tecnologica si inquadra in un modello “a rete” costituito da un numero limitato di nodi: il nodo principale ha sede in Regione Basilicata e gli altri 5 nodi secondari sono dislocati nelle altre Regioni Obiettivo 1. Il CCT ha il compito di promuovere l’innovazione tecnologica nel campo dell’analisi dei rischi ambientali alle imprese, alla Pubblica Amministrazione e alle grandi utilities, trasferendo servizi ad elevato contenuto scientifico-tecnologico, attivando processi formativi, svolgendo un ruolo di supporto nei campi della qualità e certificazione, stimolando azioni di brokeraggio tecnologico. Il compito di formare e informare gli utenti si esplica, inoltre, rendendo disponibili i risultati derivanti dalle attività di ricerca e sviluppo che i soggetti afferenti al CCT svolgono in ambito nazionale ed europeo, orientando la domanda di innovazione tecnologica anche in ambiti tematici diversi da quelli del CCT di riferimento. I collegamenti che le realtà scientifiche coinvolte nel CCT hanno con le iniziative europee (GMES, Galileo) e nazionali (COSMOSky-med, Industria 2015) consentono di aumentare la competitività delle imprese, favorire processi di internazionalizzazione e, più in generale, creare condizioni per lo sviluppo di una “industria di qualità”, concorrenziale nel mercato europeo, nel bacino Mediterraneo e nel contesto internazionale. Il CCT svolge dunque la funzione di interfaccia tra la domanda e l’offerta di innovazione tecnologica mediante il potenziamento di un networking fra soggetti tecnico-scientifici, mondo imprenditoriale ed utenti finali. Il ruolo degli utenti finali è quello di dettare le priorità degli sviluppi tecnologici, quello dei soggetti scientifici è di trasferire know-how ed attivare processi di alta formazione, mentre il ruolo del sistema delle imprese è di sviluppare ed ingegnerizzare prodotti e servizi innovativi per soddisfare il sistema della domanda.

Annunci